Informazioni essenziali sull'Emergenza Corona Virus

WhatsApp 0963 581504

A seguito dell'emergenza sanitaria in corso, il numero di contatto WhatsApp del nostro comune sarà attivo per dare informazioni ai nostri cittadini.

Per attivare il servizio è necessario memorizzare il numero 0963 581504 nella rubrica del proprio cellulare e in seguito inviare un messaggio WhatsApp con scritto "Attiva Info".

Informazioni Utili

Numeri utili

📞 Numero Verde Regionale 800 767676
📞 Numero Nazionale 1500
📞 Emergenza Sanitaria 112
📞 Azienda Sanitaria Vibo Valentia 331 685 1725
📞 Comune Sant’Onofrio 0963 262088
📞 Protezione Civile Sant’Onofrio 0963 581507

Medici di Base

👨🏽‍⚕ Dr. Congestrì Ignazio - Cell 338 8865 852 – Fisso 0963 262398
👨🏻‍⚕ Dr. D’urzo Gerardo - Cell 327 8732 543 – Fisso 0963 262882
👨🏼‍⚕ Dr. De Raffaele Antonino - Cell 330 700 974
👩🏼‍⚕ Dr. Muggieri Annunziata - Cell 340 4854 561 – Fisso 0963 267289

link utili

Anagrafe arrivi in regione sul portale della regione Calabria https://emergenzacovid.regione.calabria.it/
Fare la spesa: Spesa a domicilio - Prenotazione della spesa
Buoni Spesa: Albo Pretorio con documentazione
Inserimento elenco negozi in cui è possibile spendere buon spesa: Albo Pretorio con documentazione

02/04/2020 - 13:00

Buongiorno a tutti cittadini di Sant’Onofrio
Buoni Spesa
È stato attivato il protocollo per richiedere i Buoni Spesa previsti per far fronte alle esigenze delle famiglie durante questa emergenza.

- È possibile scaricare tutte le informazioni dal seguente link: bit.ly/BuonoSpesa-SO
- Gli esercizi commerciali di alimenti e beni di prima necessità, farmacie e parafarmacie che volessero essere inseriti nell’elenco dei negozi in cui è possibile spendere tali buoni, possono prendere visione delle modalità per farlo al link: bit.ly/ConvenzioneBS

I buoni spesa verranno recapitati direttamente agli assegnatari i quali si obbligano a conservare gli scontrini/ricevute degli acquisti eseguiti e ad esibirli a richiesta del Comune, pena la perdita di ulteriori sostegni economici in futuro. Nonché a garantire la disponibilità per una visita/colloquio con gli assistenti sociali del Comune utile alla conferma dello stato di necessità, di cui tenere conto in caso di ulteriori aiuti economici e di assistenza, ovvero erogati anche successivamente all’attuale stato di emergenza.
Stante la massima urgenza di assegnare i buoni spesa, le domande dovranno essere presentate entro e non oltre le ore 12.00 del 08/04/2020. Gli interessati potranno chiedere informazioni e supporto attraverso il numero di emergenza della Protezione Civile Comunale 0963581507; inoltre, grazie al supporto del Gruppo Locale di Protezione Civile che fa capo all’Associazione Augustus-Sakura, sarà garantito il sostegno a tutti coloro che ne manifesteranno la necessità in fase di compilazione e di consegna della domanda

Per evitare che gli interessati si presentino al municipio, creando assembramenti indesiderati, bisognerà effettuare la seguente procedura:
1️⃣ Telefonare al numero di emergenza della Protezione Civile Comunale 0963581507 e comunicare i propri dati
2️⃣ verrete ricontattati per completare la procedura di compilazione dell’opportuno modulo e concordare la modalità di invio degli allegati
3️⃣ il modulo, già compilato, verrà portato a domicilio per la firma
4️⃣ I buoni spesa verranno consegnati a casa agli aventi diritto

21/03/2020 - 11:30

Buongiorno santonofresi

Nella giornata di ieri il Presidente della Giunta della Regione Calabria, Jole Santelli, ha emanato una ordinanza inerente nuove misure di contenimento del Coronavirus.
L’Ordinanza integrale è disponibile al seguente link: https://bit.ly/OrdCal20032020
In sintesi: 
  • Si ribadisce che fino al 3 aprile 2020 sull'intero territorio regionale è fatto obbligo a tutti i cittadini di rimanere nelle proprie abitazioni; sono consentiti esclusivamente spostamenti individuali temporanei, motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. Resta ferma la necessità di adottare comunque le necessarie misure di distanziamento sociale e di prevenzione, già previste per tutta la popolazione;
  • Si ritengono motivi di necessità quelli relativi alle esigenze primarie delle persone, da esplicarsi per il tempo strettamente indispensabile, incluse le esigenze degli animali da affezione;
  • Gli spostamenti con l’animale da affezione, per le sue esigenze fisiologiche, sono consentiti solamente in prossimità della propria abitazione;
  • Le uscite per gli acquisti essenziali, ad eccezione di quelle per i farmaci, vanno limitate ad una sola volta al giorno e ad un solo componente del nucleo familiare;
  • L’eventuale presenza di accompagnatori può essere consentita esclusivamente per motivi di salute, ove la presenza di un accompagnatore sia indispensabile o necessaria, o per motivi di lavoro, qualora si tratti di spostamenti di persone appartenenti al medesimo nucleo familiare, in relazione al tragitto da/per il luogo di lavoro di uno di essi;
  • È vietata la pratica di ogni attività motoria e sportiva all'aperto, anche in forma individuale. Nel caso l’attività motoria (passeggiata) sia connessa a ragioni di salute, dovrà essere effettuata in prossimità della propria abitazione e comunque evitando ogni possibile compresenza di altre persone;
  • Nelle rivendite di tabacchi è vietato l’uso di apparecchi da intrattenimento e per il gioco;
  • È disposta la chiusura domenicale di tutti gli esercizi commerciali attualmente autorizzati, fatta eccezione per le farmacie di turno e le edicole;
  • I sindaci, con propria ordinanza, possono disporre riduzioni dell’orario di apertura al pubblico degli esercizi commerciali, ad eccezione di quelli autorizzati alla vendita di prodotti alimentari e delle farmacie;
  • Ai trasgressori, alla luce della potenziale esposizione al contagio, si applica comunque la misura immediata della quarantena obbligatoria per 14 giorni
  • Il mancato rispetto degli obblighi previsti dalla presente Ordinanza comporta l’applicazione di quanto previsto dall'art. 650 del Codice Penale, ove il fatto non costituisca più grave reato.

Protezione Civile di Sant'Onofrio
La protezione civile di Sant'Onofrio può rispondere a molte necessità. Può essere contattata al numero 0963 581507. Le persone impossibilitate agli spostamenti possono contattare la Protezione Civile di Sant'Onofrio anche per organizzare eventuali consegne a domicilio di beni di prima necessità

Situazione a Vibo Valentia
Nella giornata d’ieri c’è stato un aumento di tre nuovi casi di contagio da Coronavirus. Il numero di positivi al tampone nella provincia sale quindi a 11.

Restare a casa ed evitare di uscire, se non per lo stretto necessario, non deve essere percepito come un obbligo da rispettare, ma come una necessità sociale per rallentare e vincere questa malattia. La responsabilità, soprattutto in questa circostanza, deve essere una esigenza personale e non imposta. Un bisogno che nasce dall'amore che proviamo verso i nostri cari, dal rispetto che portiamo alle persone con cui giornalmente prendevamo il caffè, dall'unione che ci lega tutti.
Ce la faremo ad uscire da questa situazione. Dipende solo da noi stabilire in che mondo vogliamo vivere quando tutto questo sarà finito.

20/03/2020 - 11:30

Buongiorno a tutti cittadini di Sant’Onofrio
Ci apprestiamo a trascorrere un nuovo fine settimana in casa.
Come sempre vi raccomandiamo di limitare le uscite a quelle strettamente necessarie evitando in ogni caso i contatti ravvicinati (a meno di un metro) con altre persone.
Sappiamo come i santonofresi si stiano impegnando nel rispettare queste misure di sicurezza, per il bene dei propri cari, tuttavia esiste un certo numero di persone che non ha ancora percepito l’importanza dell’isolamento, per questo motivo saranno intensificati e resi più incisivi i controlli delle forze dell’ordine su tutto il territorio, con sanzioni per i recidivi.
Raccomandiamo di individuare una sola persona per le uscite necessarie, come fare la spesa.

Questione mascherine
Alcuni cittadini ci hanno chiesto se è intenzione di questa amministrazione distribuire delle mascherine.
Questa misura attualmente non viene né prevista né consigliata in nessuno dei protocolli concertati fra i vari enti sul territorio. C’è da precisare che tutte le mascherine non hanno scopo protettivo, ma solo contenitivo, ovvero evitano che le proprie esalazioni possano raggiungere altre persone con il rischio di contagiarle. Per questo motivo, se può avere un senso usarle per andare al lavoro o fare la spesa, hanno ben poca utilità se usate da persone anziane o fragili che invece devono evitare il più possibile di essere contagiate attraverso l’isolamento. Sappiamo quanto questo possa essere difficile da affrontare, ma attualmente è l’unica soluzione.
In sintesi:
- la mascherina è consigliata per chi ha contatti con altre persone, mentendo comunque la distanza di sicurezza.
- le persone anziane e fragili devono rimanere in casa.
Per qualsiasi esigenza è possibile contattare il numero della protezione civile di Sant'Onofrio: 0963 581507

Il nostro sindaco vuole dedicare a tutti una poesia tratta da “Iza’s story” di Grace Ramsay, scritta nel 1869 ma molto attuale

E la gente rimase a casa
E lesse libri e ascoltò
E si riposò e fece esercizi
E fece arte e giocò
E imparò nuovi modi di essere
E si fermò

E ascoltò più in profondità
Qualcuno meditava
Qualcuno pregava
Qualcuno ballava
Qualcuno incontrò la propria ombra
E la gente cominciò a pensare in modo differente

E la gente guarì.
E nell’assenza di gente che viveva
In modi ignoranti
Pericolosi
Senza senso e senza cuore,
Anche la terra cominciò a guarire

E quando il pericolo finì
E la gente si ritrovò
Si addolorarono per i morti
E fecero nuove scelte
E sognarono nuove visioni
E crearono nuovi modi di vivere
E guarirono completamente la terra
Così come erano guariti loro.

14/03/2020 - 18:47 - Raccomandazioni per il fine settimana

Cari Concittadini
I casi di Corona Virus nel vibonese sono aumentati da 5 a 17 in un solo giorno. Un monito importante per pensare a quanto sia indispensabile rispettare le regole che ci siamo imposti in questo periodo.

Bisogna restare in casa e comprendere che non ci possono essere eccezioni o furbizie, per il bene di tutti.

Un nuovo esodo di persone è di ritorno nel nostro paese, provenienti dalle zone maggiormente colpite dal contagio; i nostri concittadini sono sempre ben accetti, ma è importante che anche loro rispettino scrupolosamente le regole, ovvero l’obbligo di quarantena obbligatoria con sorveglianza attiva
Devono inoltre comunicare tale circostanza attraverso:
- l proprio medico di fiducia
- telefonando al numero verde regionale 800-767676
- registrandosi all’anagrafe sul portale della regione Calabria https://emergenzacovid.regione.calabria.it/

Per quanto riguarda gli spostamenti necessari a fare la spesa, vi consigliamo di scegliere un’unica persona in ambito familiare che abbia tale compito, se possibile è ancora meglio organizzarsi fra amici e parenti (anche tramite i famosi gruppi WhatsApp) per fare un’unica spesa per tutto il gruppo.

#iorestoacasa

13/03/2020 - 22:00

Cari concittadini buonasera.

Domani sarà il primo fine settimana nel quale dovremo osservare scrupolosamente quanto disposto dal governo per rallentare la diffusione del Corona Virus.
Sarà un fine settimana in cui dovremo essere più forti, e rimanere in casa affinché tutta la comunità possa attraversare questo difficile periodo.
Ricordo che è possibile lo spostamento in tutto il territorio (anche all'interno dello stesso comune) solo per esigenze lavorative, di salute o di comprovata necessità. Chi si trovasse nella necessità di uscire di casa dovrà dotarsi di un’autocertificazione (qui il modello bit.ly/autocertificazione-spostamento) ricordando che chi dovesse spostarsi senza comprovati motivi potrà ricevere una denuncia penale (art. 650 C.P.).

La denuncia penale è prevista anche per chi dichiari il falso nell’autodichiarazione (art 495 C.P. dichiarazioni mendaci a pubblico ufficiale).

- NON SONO CONSENTITI GLI SPOSTAMENTI di soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (maggiore di 37,5° C)

- NON SONO CONSENTITI GLI SPOSTAMENTI di CHIUNQUE rientri a Sant’Onofrio o vi abbia fatto ingresso dopo il 23 febbraio scorso, avendo soggiornato nella Regione Lombardia e nelle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia
Queste persone devono sottoporsi alla quarantena obbligatoria con sorveglianza attiva e devono comunicare tale circostanza attraverso:
- l proprio medico di fiducia
- telefonando al numero verde regionale 800-767676
- registrandosi all’anagrafe sul portale della regione Calabria https://emergenzacovid.regione.calabria.it/

#iorestoacasa

11/03/2020 - 23:50 - Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 11 marzo 2010


Di seguito una sintesi del DPCM del 11 marzo 2020 (qui il link http://bit.ly/DPCM20200311) che avrà effetto dal 12 marzo 2020

Sono sospese tutte le attività commerciali al dettaglio e di servizio alle persone (parrucchieri, barbieri, estetisti) ad eccezione di quelle attività individuate come necessarie (elenco completo a seguire)

Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, che garantiscono la distanza di sicurezza interpersonale di un metro. Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l'attività di confezionamento che di trasporto. Restano, altresì, aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande posti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situati lungo la rete stradale, autostradale e all'interno delle stazioni ferroviarie, aeroportuali, lacustri e negli ospedali garantendo la distanza di sicurezza interpersonale di un metro

Restano garantiti i servizi bancari, finanziari, assicurativi nonché l'attività del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agroalimentare comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi.

Alle attività produttive e alle attività professionali si raccomanda che:

  1. sia attuato il massimo utilizzo da parte delle imprese di modalità di lavoro agile per le attività che possono essere svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza;
  2. siano incentivate le ferie e i congedi retribuiti per i dipendenti nonché gli altri strumenti previsti dalla contrattazione collettiva;
  3. siano sospese le attività dei reparti aziendali non indispensabili alla produzione;
  4. assumano protocolli di sicurezza anti-contagio e, laddove non fosse possibile rispettare la distanza interpersonale di un metro come principale misura di contenimento, con adozione di strumenti di protezione individuale;
  5. siano incentivate le operazioni di sanificazione dei luoghi di lavoro, anche utilizzando a tal fine forme di ammortizzatori sociali;
Alle attività produttive si raccomanda altresì che siano limitati al massimo gli spostamenti all'interno dei siti e contingentato l'accesso agli spazi comuni;
I Trasporti pubblici sono garantiti sebbene con possibili limitazioni.

In tutte le situazioni deve essere sempre garantita la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.

Per tutte le attività non sospese si invita al massimo utilizzo delle modalità di lavoro agile.

Elenco attività commerciali al dettaglio e di servizi alla persona che individuate come necessarie e che pertanto possono operare nel rispetto delle norme di sicurezza:


  • Ipermercati
  • Supermercati
  • Discount di alimentari
  • Minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimentari vari
  • Commercio al dettaglio di prodotti surgelati
  • Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video, elettrodomestici
  • Commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati (codici ateco: 47.2)
  • Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati
  • Commercio al dettaglio apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni (ICT) in esercizi specializzati (codice ateco: 47.4)
  • Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiale elettrico e termoidraulico
  • Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari
  • Commercio al dettaglio di articoli per l'illuminazione
  • Commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici
  • Farmacie
  • Commercio al dettaglio in altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica
  • Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati
  • Commercio al dettaglio di articoli di profumeria, prodotti per toletta e per l'igiene personale
  • Commercio al dettaglio di piccoli animali domestici
  • Commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia
  • Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento
  • Commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini
  • Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet
  • Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato per televisione
  • Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto per corrispondenza, radio, telefono
  • Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici
  • Lavanderia e pulitura di articoli tessili e pelliccia
  • Attività delle lavanderie industriali
  • Altre lavanderie, tintorie
  • Servizi di pompe funebri e attività connesse
Per qualsiasi dubbio il riferimento deve comunque intendersi sempre il DPCM del 11 marzo 2020

Rimaniamo distanti oggi per abbracciarci con più calore, per correre più veloci domani. Tutti insieme ce la faremo.


11/03/2020 - 19:30 - Comunicazioni del Sindaco

Cari concittadini,
Purtroppo, si constata che molti abitanti del nostro paese, tra cui anziani e interessati da patologie gravi, stazionano indifferentemente per le vie del paese ed in piazza noncuranti delle raccomandazioni emanate per contenere il contagio da coronavirus.

In giro anche giovani e ragazzi che conservano abitudini tenute in tempi di normalità. SIAMO IN EMERGENZA SANITARIA aiutateci a sensibilizzare tutti, a partire dai vostri amici e parenti.
Bisogna rimanere a casa o comunque in luoghi in cui si è preservati da possibili contagi, specialmente le persone anziane e con patologie devono essere particolarmente attente.

Diversi cittadini da me avvicinati ancora sottovalutano i rischi. Insistete con i vostri cari di rimanere fra le mura domestiche.

Ricordo inoltre che bisogna EVITARE gli spostamenti e limitarli a quelli indispensabili. prima di effettuare qualsiasi spostamento, anche breve, bisogna dotarsi di autocertificazione che lo giustifichi e presentarlo all'occorrenza alle forze dell'ordine (qui il link http://bit.ly/autocertificazione-spostamento). Chi contravviene sarà passibile di multa.

Infine, do avviso che il Comune di Sant'Onofrio ha attivato una unità di crisi con il supporto del Gruppo Locale di Protezione Civile per dare informazioni e supportare i cittadini.
I canali ufficiali del Comune sono gli unici che utilizzeremo, divulgate solo informazioni di organismi ufficiali.

Facciamo uno sforzo insieme, solo così passerà in fretta.
Buona notte
Il Sindaco

10/03/2020 - 15:02 - Chiarimenti del Governo in merito al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri

Su questo link è possibile trovare le risposte alle domande più frequenti relativamente all'emergenza da Corona Virus.
http://www.governo.it/it/articolo/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti-sulle-misure-adottate-dal-governo/14278

10/03/2020 - 14:51 – Raccolta fondi per l'Ospedale Jazzolino

Il nostro Vicesindaco Maria Elisabetta Marcello, si è fatta promotore di un'iniziativa di raccolta fondi da destinare all'Ospedale Jazzolino di Vibo Valentia.
Chiunque ne avesse la possibilità è invitato a partecipare a questa operazione di cooperazione sociale.
Link alla raccolta fondi: www.gofundme.com/f/acquisto-materiale-medico-ospedale-jazzolino-vv

10/03/2020 - 11:32 – Spostamenti

In molti ci chiedete circa gli spostamenti consentiti. Cerchiamo di fare chiarezza.
Il Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 9 marzo 2020 (link http://bit.ly/DPCM20200309 ).basa le sue ragioni sulla necessità di isolare il più possibile le persone, al fine di evitare la propagazione del virus. Questo significa che se non è strettamente necessario gli spostamenti sono sempre da evitare.
Gli spostamenti NON SONO MAI CONSENTITI per le persone in quarantena obbligatoria o volontaria, ovvero:
- i soggetti con sintomatologia  da  infezione  respiratoria  e febbre (maggiore di 37,5° C)
- CHIUNQUE rientri a Sant’Onofrio o vi abbia fatto ingresso dopo il 23 febbraio scorso, avendo soggiornato nella Regione Lombardia e nelle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia

Per le altre persone sono consentiti gli spostamenti di qualsiasi tipo (anche all'interno dello stesso comune) solo per esigenze lavorative, per andare a fare la spesa, per accudire persone in difficoltà, per esigenze di salute e più in generale in tutti i casi in cui lo spostamento non sia evitabile.

Chi si sposta può autocertificare i motivi dello spostamento usando il modulo che mettiamo a disposizione a questo link ( http://bit.ly/autocertificazione-spostamento ).

Non si ferma la circolazione delle merci né il trasporto pubblico

10/03/2020 - ore 08:40 - Messaggio del Sindaco

Stiamo attivando una unità di crisi presso il Comune con il supporto dei volontari della protezione civile per dare informazioni dettagliate e precise a chiunque e per ricevere segnalazioni che in questo momento possono essere rilevanti, tipo chi arriva da altre zone d'Italia e chi deve invece andarci, chi ha bisogno di supporto come le persone con fragilità, ma anche per fornire numeri e contatti utili.
La situazione è grave e richiede responsabilità e comportamenti coerenti da parte di tutti. Bisogna che tutti osserviamo in modo esemplare le indicazioni fornite a livello nazionale e regionale, e ora più che mai bisogna anche che le facciamo osservare a chi non intende farlo. Ne va della salute di tutti, di ognuno di noi.
Grazie a tutti, con senso di responsabilità questo momento difficile passerà e ci ritroveremo ancora a poterci abbracciare con tranquillità.
Sindaco Onofrio Maragò

10/03/2020 - ore 02:49 - Informazioni Utili

  • Riguardo gli spostamenti il Governo ha diramato una nota per chiarire ulteriormente: "Non è necessario e soprattutto è contrario alle motivazioni del decreto, affollarsi e correre ad acquistare generi alimentari o altri beni di prima necessità che potranno in ogni caso essere acquistati nei prossimi giorni. Non c'è alcuna ragione di affrettarsi perché sarà garantito regolarmente l'approvvigionamento alimentare". 
  • I commercianti e i servizi di ristorazione santonofresi che volessero attivare un servizio di consegna a domicilio, in favore delle persone più fragili, possono inviarci le modalità di contatto e i termini del servizio. Ci occuperemo di darne diffusione. 
  • CHIUNQUE rientri a Sant’Onofrio o vi abbia fatto ingresso dopo il 23 febbraio scorso, avendo soggiornato nella Regione Lombardia e nelle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia DEVE COMUNICARE TALE CIRCOSTANZA AL PROPRIO MEDICO DI FIDUCIA (oppure telefonando al numero verde regionale 800-767676) E SOTTOPORSI ALLA QUARANTENA OBBLIGATORIA CON SORVEGLIANZA ATTIVA

10/03/2020 - ore 02:49 - Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 9 marzo 2010

È appena stato reso ufficiale il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 9 marzo 2010 disponibile integralmente a questo link ( http://bit.ly/DPCM20200309 ).
In pratica le disposizioni previste all’art. 1 del DPCM dell’8 marzo 2020 ( link http://bit.ly/DPCM2020marzo08 ) per la così detta zona rossa, si estendono a tutta Italia.

Di seguito una sintesi delle norme di interesse prioritario per il nostro territorio
a) evitare ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita dai territori di cui al presente articolo, nonché' all'interno dei medesimi territori, salvo che per  gli  spostamenti  motivati  da comprovate esigenze lavorative  o  situazioni  di  necessità  ovvero spostamenti per motivi di salute. E' consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza;
b) ai soggetti con sintomatologia  da  infezione  respiratoria  e febbre (maggiore di 37,5° C) e' fortemente raccomandato  di  rimanere presso il proprio domicilio e limitare al massimo i contatti sociali, contattando il proprio medico curante;
c) divieto assoluto  di  mobilità dalla  propria  abitazione  o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena  ovvero risultati positivi al virus;
d) sono sospesi gli eventi e le  competizioni  sportive  di  ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati. […]
e) si raccomanda ai datori  di  lavoro  pubblici  e  privati  di promuovere, durante il periodo di efficacia del presente decreto,  la fruizione da parte dei lavoratori dipendenti dei periodi  di  congedo ordinario e di ferie, […]
e correlato) la modalità di lavoro agile […] può essere applicata, per la durata dello  stato  di  emergenza  […], dai datori di lavoro  a  ogni rapporto di lavoro subordinato, nel  rispetto  dei  principi  dettati dalle  menzionate  disposizioni,  anche  in  assenza  degli   accordi individuali ivi previsti; gli obblighi di informativa […] sono assolti in via  telematica anche  ricorrendo  alla  documentazione  resa  disponibile  sul  sito dell'Istituto nazionale assicurazione infortuni sul lavoro;
g) sono sospese tutte le manifestazioni organizzate, nonché'  gli eventi in luogo pubblico o privato, ivi compresi quelli di  carattere culturale, ludico, sportivo, religioso e fieristico, anche se  svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico, quali,  a  titolo  d'esempio, grandi eventi, cinema, teatri, pub, scuole  di  ballo,  sale  giochi, sale scommesse e sale bingo,  discoteche  e  locali  assimilati;  nei predetti luoghi è sospesa ogni attività;
h) sono  sospesi  i  servizi  educativi  per  l'infanzia   […]   le attività didattiche in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado, nonché' della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, comprese le Università […]  ferma in ogni caso la possibilità di svolgimento di attività formative a distanza ad esclusione dei corsi per i medici […].  Al fine di mantenere il   distanziamento sociale, è da escludersi qualsiasi altra forma di aggregazione alternativa. Sono sospese le riunioni degli organi collegiali in presenza. […]
i) l'apertura dei luoghi di culto è condizionata all'adozione di misure  organizzative  tali  da  evitare  assembramenti  di  persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi,  e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di  rispettare  la distanza tra loro di almeno un metro […]. Sono sospese le cerimonie civili e religiose, ivi comprese quelle funebri;
n) sono consentite le attività di ristorazione e bar dalle  6.00 alle 18.00, con obbligo, a carico  del  gestore,  di  predisporre  le condizioni per garantire la possibilità del rispetto della  distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro […] con sanzione della sospensione dell’attività in caso  di violazione;
o) sono consentite le attività commerciali diverse da quelle  di cui alla lettera precedente a condizione che il gestore garantisca un accesso ai predetti luoghi con  modalità  contingentate  o  comunque idonee  a  evitare  assembramenti  di  persone,  tenuto  conto  delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali aperti al  pubblico,  e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di  rispettare  la distanza di almeno un metro […] tra  i visitatori, con sanzione della sospensione dell’attività in caso  di violazione. In presenza di condizioni strutturali o organizzative che non consentano il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro, le richiamate strutture dovranno essere chiuse;
r) nelle giornate festive e prefestive sono  chiuse  le  medie  e grandi  strutture  di  vendita,  nonché'  gli  esercizi   commerciali presenti all'interno dei centri commerciali e dei mercati. […] La chiusura non è disposta per farmacie, parafarmacie e punti vendita di generi alimentari, il cui  gestore  è  chiamato  a  garantire  comunque  il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di  un  metro  […]  con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione;
s) sono  sospese  le  attività  di  palestre,  centri  sportivi, piscine, centri natatori, centri  benessere,  centri  termali  (fatta eccezione per l'erogazione delle prestazioni rientranti  nei  livelli essenziali di assistenza), centri culturali, centri  sociali,  centri ricreativi;

09/03/2020 - ore 17:00 - Attivazione numero WhatsApp

Copyrights @ Amministrazione Sant'Onofrio - Realizzazione EclypseGroup - Servizi Informatici per la Politica