Più sicurezza con il bando Isi-agricoltura 2016

Un contributo fino a 60mila euro per finanziare gli investimenti per l'acquisto o il noleggio con patto di acquisto di macchine o trattori agricoli e forestali innovativi per l'abbattimento delle emissioni inquinanti, la riduzione del rischio rumore e il miglioramento del rendimento e della sostenibilità globali delle aziende. E' quanto prevede il bandoIsi-agricoltura 2016, che mette a disposizione delle micro e piccole aziende del settore agricolo 45 milioni di euro a fondo perduto – 20 milioni di euro erogati dal ministero del Lavoro e delle politiche sociali e altri 25 milioni dall'Inail – per migliorare le condizioni di sicurezza, in un comparto dove più del 50% degli incidenti mortali avvengono con macchine e trattori.

Gli stanziamenti, distribuiti in budget regionali e provinciali, sono ripartiti in due assi: 40 milioni di euro per la generalità delle imprese agricole (imprese individuali, società agricole, società cooperative) e 5 milioni per i giovani agricoltori, organizzati anche in forma societaria. Ogni azienda può presentare una sola domanda per l'acquisto o il noleggio con patto di acquisto di due beni al massimo.

Tra il 10 novembre 2016 e il 20 gennaio 2017 le imprese dovranno inserire sul sito web dell'Inail i propri dati aziendali e le informazioni relative al progetto per cui richiedono il finanziamento (per un massimo appunto di 60mila euro). Le aziende che avranno i requisiti potranno inviare la propria domanda attraverso lo sportello informatico, le cui date e gli orari d'apertura e chiusura saranno pubblicati sul portale dell'Istituto a partire dal 30 marzo 2017. La pubblicazione degli elenchi in ordine cronologico evidenzierà le imprese in posizione utile per accedere ai contributi, i quali potranno coprire il 50% delle spese ammissibili sostenute e documentate dalle imprese agricole dei giovani agricoltori e il 40% dei costi sostenuti da tutte le altre aziende. 

"Il bando Isi-Agricoltura – ha dichiarato Massimo De Felice, presidente dell'Inail – incentiva interventi in un settore statisticamente caratterizzato da elevato rischio di infortunio e contribuisce a migliorare lo stato dei mezzi di lavoro che non garantiscono sicurezze ed efficienza".

L'operazione è stata realizzata in collaborazione col ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali. "Sostenibilità, innovazione e sicurezza sono i tre principi cardine di questo intervento – ha aggiunto il ministro Maurizio Martina – Contribuiamo ad ammodernare il parco macchine in attività nei nostri campi, mirando soprattutto a prevenire i rischi sul lavoro".

Finalmente approvati i Bilanci

Nell’ultima seduta del Consiglio Comunale del 30 luglio, l’Amministrazione guidata da Onofrio Maragò ha approvato il Bilancio di previsione 2016.

In poche settimane si è chiusa una partita giocata male e che avrebbe potuto portare a conseguenze catastrofiche per l’Ente: lo scioglimento del Consiglio.
Per poter comprendere i motivi che hanno portato a slittare di tre mesi l’approvazione dei bilanci è opportuno premettere una serie di considerazioni.

Il 5 giugno S.Onofrio  ha cambiato Amministrazione.
Anche durante la campagna elettorale la Prefettura di Vibo aveva ammonito l’Amministrazione Rodà ad approvare sia il bilancio 2015 che quello di previsione 2016, senza, però, ottenere alcuna risposta. Circostanza grave, poiché Rodà non era riuscito ad ottenere, inspiegabilmente, i necessari pareri dal revisione dei conti.

Il nuovo Sindaco delle "Tre Spighe" ha subito contattato la Prefettura ed in pochi giorni ha riportato la situazione alla normalità, dando alla nostra Comunità un sospiro di sollievo.


Estratto del Consiglio Comunale del 15 luglio 2016

Già nel Consiglio Comunale del 15 luglio, il Sindaco aveva stigmatizzato il comportamento irresponsabile della precedente amministrazione, che non era riuscita ad assolvere i propri doveri.

I Consiglieri di minoranza Lopreiato e Riga il 22 luglio si sono astenuti dal voto, che ha portato all'approvazione del bilancio consuntivo 2015: bilancio, sostanzialmente, di chiusura dell’Amministrazione Rodà. Come per dire: Lopreiato e Riga bocciano l’Amministrazione Rodà.

Ma c’è di più: nella seduta del 30 luglio, i Consiglieri di minoranza Lopreiato e Riga si sono, addirittura, assentati durante la votazione del bilancio di previsione 2016, predisposto sempre dall’Amministrazione Rodà.


Consiglio Comunale del 22 luglio 2016

Il Sindaco Maragò ha voluto informare i Consiglieri ed i Cittadini delle numerose difficoltà che si stanno via via affrontando, non da ultima la soluzione alle numerosissime problematiche sollevate dalla Corte dei Conti, che mette fortemente in discussione anche i conti del 2014.

Dunque, il bilancio consuntivo 2015 e quello di previsione 2016 sono stati approvati dalla maggioranza che oggi governa il paese: Lopreiato e Riga non hanno partecipano al voto e Bulzomì e Arcella hanno votato contro.

L’Amministrazione Maragò ha già dimostrato di saper assumere le proprie responsabilità, al fine di fornire soluzioni legittime e trasparenti e far in modo che la Comunità santonofrese riprenda coscienza che amministrare meglio è possibile.

Ovviamente, i bilanci sono stati approvati con tutte le le riserve del caso e solo per scongiurare il commissariamento dell’Ente; il Sindaco si è riservato di procedere alla verifica di tutta la documentazione contabile.


Estratto del Consiglio Comunale sul bilancio di Previsione 2016-2018 (Parte 1 di 2)



Estratto del Consiglio Comunale sul bilancio di Previsione 2016-2018 (Parte 2 di 2)

Copyrights @ Amministrazione Sant'Onofrio - Realizzazione EclypseGroup - Servizi Informatici per la Politica